sabato 23 febbraio 2013

Domani a Torino, al Mu.Fant: C'era una volta il Domani

Domenica 24 febbraio 2013 dalle ore 14.00 alle 20.00

C’era una volta il Domani
I giovani torinesi raccontano il futuro... Un viaggio fra letteratura e cinema di fantascienza per riflettere sul nostro domani.



SPAZIO MU.FANT Museo-lab del Fantastico e della Fantascienza
VIA LUINI 195 – Torino
Il Mu.Fant – MuseoLab del Fantastico e della Fantascienza di Torino – inaugura una nuova e “fantastica” iniziativa dedicata interamente ai giovani. Il progetto C’era una volta il domani, realizzato grazie al sostegno di Torino Giovani con il contributo della Città di Torino, intende promuovere una riflessione, fra studentesse e studenti torinesi, attorno alla domanda: “Quale è il futuro che ci aspetta?”. Interrogativo, urgente e attualissimo, che emerge da un presente che tutti, seppure in modi differenti, percepiamo come problematico su molti fronti - sociale, individuale, economico - ma che sicuramente coinvolge in maniera ineludibile proprio i giovani, che vivono quotidianamente il conflitto fra il diritto di non perdere il proprio Domani e il dovere di affrontarlo!
Un progetto ricco e articolato che vede la collaborazione di differenti realtà cittadine: 8 Istituti Scolastici Superiori, le Biblioteche Civiche, l’Associazione Culturale Immagina e naturalmente il Mu.Fant.
Cuore del percorso "C’era una volta il domani" è il Concorso Cinematografico “CORTI FANTASTICI” - a cura dell’Associazione Culturale Immagina - che coinvolge gli studenti torinesi di diversi Istituti Superiori in un percorso di produzione di cortometraggi di fiction sul tema del Futuro, realizzati adattando e rivisitando, in chiave contemporanea, racconti di fantascienza pubblicati su Urania, la notissima collana Mondadori. Trattando di “Futuro” quale miglior linguaggio se non quello della Fantascienza, un genere che fin dalle sue origini altro non ha fatto che disegnare la complessità di possibili scenari venturi?
Il concorso cinematografico che si terrà domenica 24 febbraio al Mu.Fant vedrà confrontarsi diverse classi di istituti superiori distribuiti su tutto il territorio cittadino. Il liceo A. Einstein parteciperà con due classi: una classe proporrà un adattamento dal racconto "Pianeta che vai..." di R. Sheckley, uno dei fondatori della cosiddetta fantascienza sociologica, ossia quel filone della sci-fi che, abbandonate le tradizionali tematiche avventurose, si è concentrata su temi a sfondo sociale; la seconda classe proporrà un “fanta-docufiction” sul tema generale della raffigurazione del futuro. L’Istituto Superiore Santorre di Santarosa presenterà un corto liberamente tratto da uno dei racconti più classici della sci-fi anni ’50, "Sentinella" di Fredric Brown, autore noto per il suo stile asciutto ed essenziale, e rappresentativo di quella fantascienza che stimola il lettore a mettere in discussione i propri pregiudizi ed incita a ribaltare le apparenze e le convenzioni. Il Liceo Massimo D’Azeglio proporrà un video tratto da una delle maggiori e più recenti rivelazioni letterarie in ambito fantascientifico, Ted Chiang, adattando il racconto “Il piacere di ciò che vedi: un documentario”. L’Istituto Paolo Boselli parteciperà con due classi delle sedi To1 e To2, rispettivamente con il racconto "L'impossibile fuga", incentrato sull’eterno contrasto fra realtà ed illusione, di Richard Matheson – noto al grande pubblico per essere l’autore di Io sono Leggenda – ed il racconto "Ucciso dagli antenati" scritto a due mani da M. Reynolds e F. Brown, dove si affronta in maniera non convenzionale lo scomodo tema del razzismo. L’Istituto G. Peano con "Buona notte Signor James" di C. D. Simak, altro mostro sacro della letteratura di fantascienza, metterà in scena una delle tematiche più classiche della sci-fi di sempre, quella del doppio, del replicante, del simulacro. Infine l’Istituto Professionale G. Plana presenterà un adattamento tratto da “Migrazioni”, racconto focalizzato su un tema di grande attualità come quello dell’immigrazione, dall’antologia “Cyclone” di Antonino Fazio, affermato autore contemporaneo e membro del comitato scientifico del Mu.Fant.
Il progetto si avvale della preziosa collaborazione del Sistema Bibliotecario Torinese che partecipa con numerose iniziative. La Biblioteca Civica Centrale propone gruppi di lettura dedicati al tema dell’anticipazione del futuro nella letteratura di fantascienza. Mentre giornate di proiezione dei cortometraggi realizzati nell’ambito del progetto, aperte al pubblico, avranno luogo nelle sedi delle Biblioteche Civiche: Villa Amoretti e Italo Calvino e presso la Biblioteca internazionale di cinema e fotografia Mario Gromo Un’intensa giornata, quella di domenica 24 febbraio 2013, dedicata ai giovani e al loro futuro, durante la quale si approfondiranno i rapporti fra letteratura e cinema di fantascienza. Momento importante della giornata sarà la commemorazione di Riccardo Valla, scomparso lo scorso gennaio: figura fondamentale della fantascienza italiana e internazionale, curatore, traduttore, saggista – nota e apprezzata è stata, ad esempio, la sua traduzione del Codice Da Vinci – è stato curatore della casa editrice Nord e di innumerevoli percorsi e iniziative che hanno rivoluzionato la fantascienza italiana. Riccardo Valla è stato inoltre fra i fondatori e promotori del Mu.Fant, e, certamente il suo membro di maggior prestigio; il comitato scientifico del museo dedicherà a lui la giornata. A commemorarlo sarà presente Giuseppe Lippi, attuale curatore di Urania, la nota collana Mondadori di fantascienza.
Altro ospite d’eccezione sarà Franco Brambilla, notissimo illustratore di fantascienza e attuale autore delle copertine di Urania. Altri ospiti importanti quali: Paolo Bertetti, Antonino Fazio e Piero Gondolo della Riva – esponenti di spicco della fantascienza italiana – interverranno nella conferenza “Visioni del futuro”: la narrazione di anticipazione fra letteratura, cinema, illustrazione.
Davide Tarò, giovane scrittore torinese, presenterà il suo romanzo Emina. L’evento conclusivo di domenica 24 febbraio al Mu.Fant - durante il quale si potrà anche visitare la mostra in corso dedicata alla storia di Urania, unica nel suo genere per ricchezza e varietà dei materiali esposti, - così come gli appuntamenti presso le Biblioteche Civiche torinesi sono aperti a tutti gli appassionati di fantascienza e a tutti coloro che sono curiosi di scoprire quale domani ci aspetta.

Il programma di domenica 24 febbraio 2013:

14.00/14.15: presentazione a cura di Silvia Casolari e Davide Monopoli 
14.15/15.15: sezione proiezioni del concorso “Corti Fantastici” 
15.15/16.00: intervento di Franco Brambilla “Illustrare il Domani” 
16.00/16.40: intervento di Giuseppe Lippi “Ricordando Riccardo Valla” 
16.40/17.30: sezione proiezioni del concorso “Corti Fantastici” 
17.30–17.45: Davide Tarò presenta il romanzo Emina 
17.45/18.30: conferenza “Visioni del Futuro”, intervengono: Paolo Bertetti, Antonino Fazio, Piero Gondolo della Riva. 
18,30/19: Premiazione concorso “Corti Fantastici”

TUTTI GLI ALTRI APPUNTAMENTI
Biblioteca civica Villa Amoretti: Proiezioni aperte al pubblico dei “Corti fantastici”. Davide Tarò, giovane scrittore torinese di fantascienza presenta il suo romanzo “Emina”. Lunedì 25 febbraio 2013, ore 18 – 19.30
Biblioteca civica Italo Calvino: Proiezioni aperte al pubblico “Corti fantastici”. Intervengono Davide Monopoli e Silvia Casolari sul tema: “La fantascienza e i giovani: fra cambiamento e incertezza”. Martedì 26 febbraio 2013, ore 18 – 19.30
Bibliomediateca Mario Gromo: Proiezioni aperte al pubblico “Corti Fantastici”. Intervengono ragazze e ragazzi del progetto Mu.Fant. Mercoledì 27 febbraio 2013, ore 18 – 19.30

Info: Spazio Mu.Fant, Via Luini 195 – Torino, Cell. 349-8171960 associazioneimmagina(at)gmail(dot)com facebook: MuFant Torino gruppo facebook: C’era una volta il domani www.mufant.wordpress.com
Posta un commento