sabato 10 luglio 2010

UFO costringe alla chiusura un aeroporto cinese

Un oggetto volante non identificato ha bloccato il traffico aereo nella parte orientale della Cina. Lo riferisce l'agenzia Nuova Cina.
(da Il Corriere della Sera e Leggo)

Secondo le informazioni, l'oggetto non identificato è stato avvistato intorno alle 9 di mercoledì sera ora locale nei cieli di Hangzhou, capitale della provincia orientale cinese dello Zhejiang. L'Ufo è stato poi visto anche a Ningbo e a Wuxi, due città della stessa provincia, obbligando alla chiusura momentanea dell'aeroporto di Hangzhou. Nessun commento ufficiale dalle autorità aeroportuali sull'origine del velivolo. L'aeroporto della capitale dello Zhejiang è stato poi riaperto successivamente e i voli ripresi. L'autorità cinese ha avviato una inchiesta sull'accaduto.
Il quotidiano China Daily ha scritto che l'inchiesta aperta dalla direzione dell'aeroporto di Hangzhou «non ha ancora dato risultati». Il quotidiano aggiunge però che «fonti che conoscono la vicenda» hanno parlato di un «collegamento con i militari». In una foto scattata da un passeggero e pubblicata oggi da molti giornali e siti web cinese, l'Ufo appare come un grosso aereo bianco e rosso. Un impiegato dell'aeroporto di Hangzhou ha raccontato che quando l'oggetto misterioso è apparso nel cielo, sui radar «non si vedeva niente». Altri passeggeri dei sei voli che sono rimasti bloccati per quattro ore nello scalo hanno sostenuto che si sarebbe potuto trattare di un aereo privato. I velivoli privati sono abbastanza diffusi nella regione di Hangzhou, una delle più ricche della Cina. Un'altra spiegazione è stata data Zhu Dayi, uno scienziato dell'Osservatorio di Shanghai, secondo il quale «l'oggetto» avrebbe potuto essere semplicemente un fascio di luce sotto la linea dell'orizzonte che si è riflesso su un aereo che volava ad alta quota. «Se volava a grande velocità avrebbe potuto essere un aereo militare - ha aggiunto Zhu - ma non possiamo trarre conclusioni, le nostre informazioni sono troppo limitate».
Video: qui.
Posta un commento