martedì 4 gennaio 2011

Eclissi solare di oggi 4 gennaio 2011.

Fra poche ore un’eclissi solare parziale sarà visibile anche dall’Italia. Dopo l’eclissi lunare dello scorso 21 dicembre, ad un orario variabile fra le 07:48 e le 8:06 e fino alle 10:34-10:36 (a seconda dell’area geografica) sarà possibile assistere anche a questo fenomeno.
Attenzione: è molto pericoloso osservare il Sole senza un’adeguata protezione agli occhi. Nel dettaglio, esistono speciali occhialini che utilizzano particolari materiali (mylar o astrosolar) in grado di proteggere al meglio i nostri occhi; un sistema di protezione altrettanto efficace sono gli occhiali da saldatore con indice di protezione numero 14 (N.B.: in nessun caso comprare filtri di questo tipo ma con un fattore più basso di 14), facilmente reperibili nei ferramenta o nei negozi specializzati in prodotti antinfortunistici.
Per proiezione, sarà possibile vedere l’eclissi in tutta sicurezza, producendo semplicemente un foro su un foglio di cartone, e orientandolo verso il Sole: l’immagine dell’eclissi verrà così proiettata in terra.
Tutte le raccomandazioni per le osservazioni ad occhio nudo vanno moltiplicate all’infinito se si usano strumenti ottici, che se non opportunamente schermati, possono danneggiare irrimediabilmente l’occhio anche in frazioni di secondo.
Per chi non lo sapesse, un’eclissi solare  si ha quando la Luna, passando tra il Sole e la Terra, copre il disco del Sole e proietta sulla superficie terrestre la propria ombra. Non sempre le dimensioni apparenti del disco lunare coincidono alla perfezione con quelle solari (quando succede si può osservare un’eclissi solare totale), quindi si possono produrre diversi tipi di eclisse.
L’eclissi si dice parziale quando la Luna copre solo una percentuale più o meno elevata del disco solare (in questo caso si arriverà al 70%). Durante l’eclissi parziale il Sole assume l’aspetto di una mezzaluna, più o meno accentuata a seconda del grado di copertura.
La prossima eclissi parziale visibile dall’Italia si verificherà  il 20 Marzo 2015.
Posta un commento